Glossario

Inflazione


Il termine Inflazione indica l’aumento progressivo del livello medio generale dei prezzi di beni e servizi con la conseguente diminuzione del potere d’acquisto. Il suo valore è solitamente espresso in percentuale. Per fare un esempio in termini pratici, un’inflazione annua del 5% indica l’aumento del prezzo di un bene di pari valore. Se quindi un bene al 1 Gennaio dell’anno n costa 100€ al 1° Gennaio dell’anno successivo costerà 105€.

L’Inflazione a livello macroeconomico è molto importante perchè nel suo valore rispecchiano i mutamenti che si verificano nella domanda ed offerta nonchè nella quantità di denaro presente nel sistema economico.

L’inflazione è un indicatore che ognuno di noi dovrebbe avere ben presente, perchè con un reddito costante negli anni, la nostra capacità di spesa diminuisce ed è quindi necessario contrastarla aumentando il proprio reddito o investendo i propri risparmi. Con l’inflazione non si riduce solo il potere d’acquisto ma un’inflazione elevata e volatile è portatrice d’incertezza, frenando la crescita economica. Un’inflazione elevata o aspettative d’inflazione al rialzo possono inasprire l’avversione al rischio delle aziende e renderle meno inclini ad effettuare investimenti di lungo periodo.

Al fine di controllarla e di gestirla efficacemente, l’inflazione è misurata attraverso criteri armonizzati che utilizzano definizioni concordate e comuni. Nell’Unione Europea, l’inflazione dei prezzi al consumo è quindi misurata attraverso l’uso dell’ ”indice dei prezzi al consumo armonizzato” (IPCA). Il termine armonizzato indica che tutti gli Stati membri dell’UE seguono la stessa metodologia nel calcolo dell’indice, garantendo una buona comparabilità tra un paese e l’altro.

La Banca Centrale Europea ha l’obiettivo di stabilità dei prezzi che è stato quantitativamente specificato in termini di tasso di variazione sui dodici mesi dell’IPCA per l’area euro, il tasso di inflazione dovrà essere mantenuto su livelli inferiori ma prossimi al 2%.

I metodi utilizzati per controllare l’inflazione sono principalmente due: le politiche monetarie e le politiche fiscali. Entrambe operano congiuntamente esercitando un’influenza sulla quantità di denaro disponibile nell’economia. La politica monetaria ha il compito di regolare la quantità di moneta in circolazione nel sistema economico, utilizzando un modello di tipo monetary targeting  oppure agendo sull’obiettivo inflazionistico, adottando il modello inflation targeting.  Al fine di frenare l’inflazione, è auspicabile inoltre una politica fiscale restrittiva che comporti una riduzione della spesa pubblica e dei trasferimenti oppure un’aumento della pressione fiscale.