Glossario

Dividendo


Remunerazione corrisposta al possessore di titoli azionari, di solito annualmente per le società italiane e trimestralmente per quelle americane, che può essere pagato in contante, in nuove azioni gratuite o in altro modo. Il Dividendo è una porzione dell’utile societario che, previo via libera da parte del Consiglio d’Amministrazione e dell’Assemblea, è distribuita da una società ai detentori del proprio capitale sociale, i cosiddetti azionisti, come remunerazione del capitale investito.

La decisione di distribuzione del dividendo è presa dall’assemblea ordinaria che una volta approvato il bilancio decide quanta parte degli utili societari destinare al reinvestimento interno, tenendo conto delle necessità d’investimento dell’azienda (riserve societarie) e quanto distribuire ai propri azionisti, al netto di eventuali accantonamenti in riserve legali.

Il periodo compreso tra l’annuncio del pagamento dei dividendi da parte dell’emittente ed il momento in cui si ha la riscossione del dividendo viene denominato “ex dividendo”. Chi acquista l’azione in questo periodo non possiede il diritto di riscossione dei dividendi che appartengono al possessore dell’azione nel giorno in cui è avvenuta la distribuzione dei dividendi.

Per quanto riguarda la tipologia di dividendi, quest’ultimi si dividono in ordinari e straordinari. Nel primo caso, l’azionista si aspetta che la distribuzione del dividendo avvenga regolarmente mentre nel secondo caso, l’azionista non si aspetta alcuna regolarità in quanto la remunerazione non deriva dal conseguimento di un utile bensì da riserve di liquidità interne alla società.

I dividendi vengono spesso utilizzati come criterio utile per effettuare un investimento: il rapporto tra il dividendo pagato da una società quotata per ogni singola azione e l’ultimo prezzo di mercato dell’azione stessa -il cosidetto dividend yield- è spesso usato come indicatore di rendimento immediato, indipendentemente dalla performance finanziaria del titolo in Borsa.