Glossario

Conti Deposito


Che cosa sono i conti deposito

I Conti Deposito sono una tipologia di conto corrente remunerato sui quali è possibile effettuare esclusivamente operazioni di versamento e prelievo e proprio per la loro caratteristica di remunerazione generano degli interessi sui risparmi depositati.

La storia

Nati come forma innovativa di raccolta diretta in Canada nel 1991, quando è stato fondato il marchio ING Direct. L’idea era quella di mettere insieme un prodotto finanziario semplice, senza ricreare tutte le infrastrutture, e quindi i costi, di una Banca tradizionale.

In questo modo la Banca poteva fare raccolta di depositi a basso costo, sfruttando i minori costi di struttura, per dare un tasso di rendimento maggiore alla clientela. Con l’avvento del web è stato naturale portare il processo di apertura dei conti deposito online aumentandone ancora la semplicità ed il mercato potenziale. Allo stesso modo molti players si sono affacciati a questa opportunità pagando tassi sempre più elevati,fino ad arrivare ad erodere completamente i margini lasciati dalla struttura di costo più snella.

I vantaggi

Il vantaggio principale per il risparmiatore nell’investire i propri soldi in un conto deposito è quello di ricevere una remunerazione garantita sul capitale depositato ad un tasso d’interesse fisso. I conti deposito possono essere liberi o vincolati. Il vincolo, ovvero la necessità di lasciare investiti i risparmi fino alla scadenza, viene remunerato con degli interessi più alti ma delle penali sono previste nel caso in cui i soldi vengano ritirati prima della scadenza.

I pericoli

Le banche sono costrette a investire in attivi particolarmente rischiosi per poter offrire tassi competitivi sui mercato. ING Direct è stata tra le banche che ha dovuto ricevere supporto dall’Unione Europea nel corso della crisi del 2008 ed ha conseguentemente deciso di vendere le attività online entro il 2013, su pressioni dei regolatori.

Tradizionalmente oggi le banche che si possono permettere di remunerare così tanto la raccolta diretta sono banche che si occupano di attività di leasing, factoring (banca IFIS), credito al consumo, o che sono interessate ad aprire un nuovo mercato (CheBanca o Barclays in Italia), anche in perdita. Non a caso i potenziali acquirenti della rete di ING Direct sono proprio le grandi società di leasing e credito al consumo americane (GE Capital e Capital One Financial Corp).

Gli svantaggi

Dal punto di vista del risparmiatore i conti deposito rappresentano un’ottima alternativa per investire i risparmi a breve termine ma per chi ha un orizzonte temporale d’investimento più lungo il conto deposito non è uno strumento efficiente. Difficilmente infatti una banca riesce a garantire tassi d’interesse alti per un lungo periodo e quindi ad ogni scadenza il risparmiatore è costretto a spostare i propri soldi presso un nuovo depositario.

Un investimento diversificato e a basso costo come quello proposto da MoneyFarm e l’Asset Allocation sono un’alternativa molto più efficiente e in grado di garantire interessi migliori agli investitori che possono permettersi di mantenere le somme investite per un periodo di tempo medio-lungo.

 
Prova MoneyFarm